Non si poteva chiedere di meglio per questa 9^ Salerno Corre: sole estivo, numeri che tornano vicini alla più alta prestazione registrata dalla gara ed una Salerno che stamane sembrava più bella del solito. Tutto colorato come sempre, tutto ben allestito come l’Atletica Salerno ci ha abituati: la piazza, quella della Libertà, pronta ad accogliere i tanti atleti provenienti da ogni parte della Campania e non solo; il Villaggio sportivo, operativo dalla sera precedente per la consegna dei pettorali, pronto ad intrattenere i primi arrivati sul posto con i diversi stand espositivi. Tra questi non è mancato quello della Guardia di Finanza, che si è appoggiata alla tradizione della Salerno Corre per festeggiare il 250° anniversario dalla loro nascita.

LA GARA

Sulla scia dell’aurea di Frida Kahlo, donna d’arte a cui è stata dedicata la medaglia di quest’anno e a sintesi del messaggio sulla libertà delle donne, l’entusiasmo si respirava a pieni polmoni nell’aria calda e pulita di questa mattina: un clima sicuramente da mare, che poco ha giovato gli atleti in gara, ma che non ha tolto eleganza a questo percorso nel cuore del Lungomare di Salerno. Gara Nazionale, livello Bronze: pertanto 10km omologati di cui si pregia l’esperienza e la guida di Ruggero Gatto che, da buon presidente, ha saputo guidare –

dal suo saper stare dietro le quinte – questa macchina organizzativa portandola nel tempo alla massima espressione. Stamattina la conferma di 1400 persone che allo Start ufficiale, avvenuto dalla pistola del Gruppo Giudici Gare, ha letteralmente invaso Salerno. Le immagini di chi ha potuto gustare tutto dall’alto, magari nella comodità di casa propria, possono confermare l’emozione a fior di pelle provata da chi ha potuto esserci.

Gara maschile. Tutto era possibile, tutto poteva accadere. La top list al maschile lasciava preannunciare una bellissima lotta tra i primi pettorali al via: il detentore del titolo dello scorso anno, Raffaele Giovannelli (International Security Service), reduce da una serie di successi personali più che positivi, avrebbe potuto e voluto bissare anche questa volta. L’avversario è sempre lo stesso: un grande Gilio Iannone (CarMax Camaldolese) che vanta alle sue spalle un’esperienza atletica che nulla lascia al caso. Con Gilio in gara tutto diventa possibile, e questa mattina lo ha dimostrato andandosi a riprendere lo scettro che per anni è stato suo e questa Salerno Corre la chiude in 30’41”. Sempre grandi ritmi per questo Master 35 che vanta almeno 6 titoli italiani nella sua categoria. Resta la bravura di un giovane Giovannelli che ha dovuto cedere alla marcia di Gilio, chiudendo almeno 50 secondi dopo il vincitore. Si torna in casa Carmax Camaldolese con Ali Akinou, ormai da un anno nel team e soprattutto in quella che a tutti gli effetti è diventata la sua famiglia. Chiudono in quarta e quinta piazza Andrea Staffieri (Caivano Runners) e Daniele Russo (CarMax Camaldolese).

Gara femminile. Emozioni forti sul versante femminile, con un record del tracciato che vacillava già solo alla presenza del suo nome tra le top atlete: Elvanie Nimbona (CarMax Camaldolese) aveva tutte le carte in regola per riuscire a ri-scrivere la storia della Salerno Corre al femminile; ci ha fatto sognare, ci ha fatto emozionare fino al traguardo, mancando l’obiettivo per soli 6 secondi. Ma resta grandioso il 34’22” di questa giovane ragazza che ha regalato un bellissimo spettacolo. Alle sue spalle altra ragazza decisamente brava e talentuosa: Francesca Palomba (Caivano Runners) è arrivata ad uno dei suoi migliori stati di forma, dimostrando la crescita registrata negli ultimi tempi con un bellissimo 36’41”. Chiude un gradino sotto la sorellina Filomena, che serena e senza pressioni alle spalle conquista il bronzo. Completano la rosa femminile Annamaria Naddeo (Running Club Napoli) e Maria Grazia Biscardi (Atletica Agropoli).

La vittoria di società ha visto l’egemonia netta della CarMax Camaldolese, che continua in testa la sua maratona nei due trofei in sinergia con la Salerno Corre: Insieme per lo Sport e Salerno Corre verso Polla.

Alle porte della 10^ edizione, traguardo importante per questo evento, non si poteva chiedere di meglio: l’Atletica Salerno tutta, rappresentata da validi ragazzi che – sinergicamente – si sono uniti intorno agli intenti di Ruggero Gatto ha saputo dimostrare che può alzare l’asticella. E siamo certi che il 6 Aprile 2025, data delle dieci candeline, non lo dimenticheremo facilmente. Intanto…resta il sapore di questa magica 9^ Salerno Corre.

Info/Curiosità